In centinaia in fila a firmare per salvare la Serra di Giuggianello e Palmariggi dagli orchi eolici!

Riceviamo e pubblichiamo il seguente appello dal Coordinamento Civico apartitico per la Tutela del Territorio e  della Salute del Cittadino che aderisce al nostro comitato.

Sposata dal Coordinamento Civico la petizione di Italia Nostra al Presidente della Repubblica per salvare lo skyline dell’entroterra di Otranto e l’acropoli della più antica civiltà salentina la mitologica “Collina dei Fanciulli e delle Ninfe” nei feudi di Giuggianello, Palmariggi e Minervino di Lecce!
 
Dopo lo straordinario successo dell’iniziativa alla “Notte della Taranta” a Melpignano, ora si replica nella tre giorni dell’antica Festa del Vino a Carpignano Salentino 2-3-4 settembre 2011!

Quest’anno, dagli appelli degli artisti sui palchi, come anche sullo stesso straordinario palco della Notte della Taranta a Melpignano, con i Sud Sound System e il maestro Ludovico Einaudi e non solo, fino ai banchetti informati e ai volontari circolanti tra le strade per raccogliere firme, l’estate salentina è stata vivificata ed impreziosita da una enorme dilagante mobilitazioni trasversale, giovane ed apartitica in difesa del paesaggio del Salento vilipeso ed attaccato su più fronti da più speculazioni, come quelle del cemento e delle energie!

«Le persone affluiscono spontaneamente e chiedono esse stesse di firmare, appena leggono o intuiscono che si sta raccogliendo le firme per salvare la magica “Collina dei Fanciulli e delle Ninfe», raccontano gli attivisti del Coordinamento Civico del Salento. «Salentini e non, tutti sanno in Italia del grave scandalo di cui quella Collina è ingiustamente vittima, a causa del selvaggio affare dell’eolico in Italia, tanto che è balzata agli “onori” della cronaca sulle prime pagine del Corriere della Sera e dei principali quotidiani, e sulla RAI, persino in prima serata e in tanti programmi di inchiesta giornalistica! E indignati, vogliono contribuire per salvare quell’acropoli meravigliosa e densa di storia e natura del Salento da tanta follia e assurda cattiveria! Da tanta iniquità!»

La petizione avviata da Italia Nostra onlus, (aperta alla partecipazione di qualsiasi comitato e associazione, per cui si lancia un appello all’estensione dell’iniziativa a tutti), sarà curata dal “Coordinamento Civico di Maglie per la Tutela del Territorio e la Salute dei Cittadini“. Una petizione, per la quale la stessa Italia Nostra Sezione SUD Salento ha già raccolto centinaia di firme in pochissime e brevi occasioni, ed il Coordinamento altre centinaia durante la sola scorsa Notte della Taranta di Melpignano, per fermare la costruzione dei tre impianti industriali adiacenti per ben 20 mastodontiche mega torri eoliche di 125 m d’altezza ciascuna e miriadi di sconquassanti strutture annesse, sulla mitologica e sacra “COLLINA DEI FANCIULLI E DELLE NINFE (alta al massimo solo 115 m sul livello del mare-le pale eoliche son ciascuna alte 125 m! NO COMMENT !), la indiscussa Stonehenge megalitica d’Italia, per i suoi dolmen, menhir e “rocce sacre” enormi, naturali altari ancestrali ammantati di suggestioni e leggende dai tempi protostorici sino ai nostri giorni, narrate anche da autori greci e latini antichi, come il grande filosofo greco Aristotele, il grande poeta latino dell’amore Ovidio, e dal greco Nicandro (II sec. a. C.), e trasmesse ancor oggi di madre e padre in figlio; leggende di orchi, di fate, di ninfe, di tesori (le “acchiature” dette in vernacolo), di eroi come il greco Ercole, di giganti, di streghe, di Vecchie fattucchiere, “a Vecchia” in dialetto, di folletti (“scazzamurieddhi“), di fantasmi (“malumbre“), di diavoli, santi come San Giovanni Battista e San Basilio (“Santu Vasili”), di miracoli di guarigioni ed apparizioni sante, di Madonne, questo nei feudi di Giuggianello, Palmariggi e Minervino di Lecce, nell’entroterra Otrantino, dove le suggestioni mitopoietiche delle forme, dei colori e dei suoni della natura creano miti ininterrottamente da secoli ed ancora oggi; progetti pazzeschi industrializzanti devastanti, in luoghi improponibili, dominio di grotte magiche, voragini, antri, villaggi neolitici, e d’uliveti antichi e monumentali, che i greci dicevano costituiti anche da alberi gementi nella notte, derivati dalla metamorfosi in ulivi di fanciulli pastorelli messapici, ad opera di stupende divine leggiadre e giovani ninfe indispettite, e tanti alberi lì, plurisecolari e dai tronchi contorti, paion pronti a camminare e hanno forme antropomorfe! Progetti industriali eolici che minacciano anche di sfregiare pesantemente con la loro immane mole hi-tech anacronistica lo skyline naturale della Città di Otranto, patrimonio UNESCO dell’ Umanità, e del magnifico cono visuale preistorico di Torre Sant’Emiliano e Porto Badisco, nonché di Santa Cesarea e di Porto Miggiano, con una corona di spine d’acciaio eternamente rotanti!
La petizione di Italia Nostra chiede al Presidente della Repubblica, alla Regione e ai comuni coinvolti di ritirare ogni folle autorizzazione concessa in merito, a salvaguardia dei luoghi e a stop di ogni ipotesi di anacronistica alterazione paesaggistica e sostanziale del sito, che quegli impianti ad altissimo impatto invece comporterebbero!
Per salvare la stessa filosofia buona delle energie rinnovabili, che devono salvare il pianeta e non assassinarlo, da questa follia e da questa contraddizione pugliese delle rinnovabili, da incentivare nella forma soltanto dei pannelli fotovoltaici sui tantissimi tetti inutilizzati degli edifici recenti a vantaggio vero di famiglie ed aziende con l’autoproduzione ed autoconsumo dell’energia da parte delle famiglie! 

Coordinamento Civico apartitico per la Tutela del Territorio e  della Salute del Cittadino
rete d’azione apartitica coordinativa  di associazioni, comitati e movimenti locali e non, ambientalisti, culturali e socio-assistenziali
sede c/o Tribunale Diritti del Malato – CittadinanzAttiva
c/o Ospedale di Maglie “M.Tamborino”
Via N. Ferramosca, c.a.p. 73024  Maglie (LECCE)

E-mail: coordinamento.civico@libero.it , coordinamentocivico@yahoo.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...