Il Ministro Catania ha deciso: “STOP al fotovoltaico sui terreni agricoli”

Il Mininstro delle Politiche Agricole è stato categorico:
«Sulle energie rinnovabili in agricoltura – ha detto – serve una immediata inversione di tendenza, distinguendo tra le iniziative buone e quelle che non lo sono». E nel mirino è finito il fotovoltaico. «Sottrae – ha spiegato Catania – superfici destinate a produrre beni alimentari e ha una ricaduta negativa sugli affitti». Il ministro ha annunciato che affronterà a breve la questione con il collega dell’Ambiente, Corrado Clini, ma la linea è segnata:

«STOP AGLI INCENTIVI AL FOTOVOLTAICO».

Il «land grabbing» in Italia, infatti, rischiano dunque di farlo i pannelli solari che stanno erodendo terreni agricoli e cambiando in alcune zone l’aspetto del paesaggio rurale. In Puglia la febbre da pannelli solari è alta da tempo. E secondo i dati 2010 diffusi dal Gse sono oltre 14mila gli ettari occupati dai soli impianti fotovoltaici, ma superfici importanti sono state “occupate” in Emilia Romagna e nel Lazio. Complessivamente in Italia 33mila ettari coltivabili hanno cambiato destinazione. Numeri che dopo l’exploit del 2011 vanno rivisti al rialzo.

Una situazione di ALLARME ROSSO!

>> Leggi tutto (il Sole 24 ore)

Il Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eollico nelle Aree Verdi esprime viva soddisfazione per le parole del Ministro e conferma il massimo sostegno alla sua azione tesa a fermare il mostro fotovoltaico che sta divorando i terreni agricoli italiani.


Annunci

3 thoughts on “Il Ministro Catania ha deciso: “STOP al fotovoltaico sui terreni agricoli”

  1. Ci sono tante aree non agricole in Italia ove sarebbe possibile installare pannelli e pale eoliche. L’ho visto in Spagna. Perchè in Italia si utilizzano prevalentemente zone destinate all’agricoltura? Probabilmente ci sono interessi economici che spingono in tal senso. E’ necessario intervenire urgentemente

    • …..perchè l’affitto con contratto ventennale è tre volte il valore agricolo medio delle tabelle dei Coldiretti, ecco perchè.

  2. Pingback: News dal mondo speculativo « Colline in fiore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...