Gli Eco-Milionari tedeschi: un sacco di soldi a rischio zero

Una nuova classe di milionari si aggira per la Germania: i soldi li hanno fatti con le rinnovabili speculative, il conto lo pagano i cittadini.

Il mensile tedesco Capital ha pubblicato una interessante inchiesta (“Die neuen Öko-Millionaire“) su una categoria di nuovi ricchi germanici: gli imprenditori delle rinnovabili – eolico – fotovoltaico a terra – biomasse. Un piccolo esercito di privilegiati che, grazie alle nuove leggi che premiano chi opera nelle energie rinnovabili speculative, è riuscito nel giro di pochissimo tempo ad accumulare, complessivamente, miliardi di euro pagati dai cittadini tedeschi tramite le bollette della luce.

foto006

198,5 metri di altezza e 900 tonnellate di cemento armato per le fondamenta.  Questo l’impatto sul territorio di una pala eolica “ultimo modello” .

Il trucco per diventare milionari è abbastanza semplice: basta trovare una banca che ti finanzi un impianto eolico, una centrale a biogas, un impianto fotovoltaico su terreno agricolo. Se hai un terreno a disposizione e dimostri di saperci fare la banca è ben contenta di prestarti un tot di milioni di euro per il tuo progetto. Tanto gli introiti sono garantiti per 20 anni dagli incentivi obbligatoriamente finanziati dai cittadini tramite le bollette della luce. Così dopo qualche anno puoi restituire alla banca il prestito con gli interessi e incominci a guadagnare veramente un sacco di soldi.

L’importante è non farsi troppi scrupoli. Consumi terreno agricolo? Chi vive vicino alla tua pala eolica non dorme sonni tranquilli? Il paesaggio va a farsi benedire? Le turbine eoliche nella foresta non sono il massimo per gli animali? Vabbè, che importa, lo stato dice che è tutto ok.

Gli Avventurieri Verdi.

foto001

Simon e Jens osservano compiaciuti il “parco” fotovoltaico da loro edificato su un terreno ormai ex-agricolo. Posano assieme alle loro due nuovissime auto di grandissima cilindrata che si sono potuti comprare grazie agli ingenti guadagni fatti con l’impianto. Il crocifisso è l’unica testimonianza sopravvissuta del passato contadino che caratterizzava il luogo (Gesù sembra osservare la scena un po’ stranito).

Quest’anno i tedeschi hanno pagato 20 miliardi di Euro

per finanziare le energie rinnovabili.

Una parte di questi soldi è andata a impianti fotovoltaici che le famiglie installano sui tetti delle loro case per auto-consumare il più possibile l’energia auto-prodotta.
Il resto, che non è poco, anzi sono moltissimi denari, ha arricchito gli imprenditori verdi che guadagnano vendendo energia elettrica.  Intanto il costo dell’energia elettrica aumenta sempre di più e i conflitti tra chi paga e chi guadagna pure.

23030 – In Germania ci sono più di 23 mila pale eoliche.

foto003
E se ne aggiungo sempre di nuove: dalle Alpi al Mare del Nord. Il contadino Georg osserva soddisfatto le fondamenta in cemento armato di una delle 4 pale eoliche che sta costruendo sui suoi terreni: ogni anno guadagnerà circa cento mila euro all’anno per ciascuna pala eolica.

7515 impianti a biogas.
foto002Sönke è uno dei tanti proprietari che guadagnano vendendo elettricità prodotta col biogas. Un impianto a biogas da 500 kilowatt fornisce un guadagno di 750 mila euro all’anno, al netto delle spese.

I re del solare: Simon e Jens.
foto005L’ultimo parco fotovoltaico che hanno costruito ha una potenza di 2 megawatt. Le loro due nuove auto hanno una potenza complessiva di mille cavalli. Prima di interessarsi di fotovoltaico sui terreni agricoli, Simon e Jens facevano i buttadentro in una discoteca.

foto004Esplosione di costi.
Nel 2000 il costo degli incentivi per gli impianti rinnovabili era pari a 1177 milioni di euro.
Nel 2013 il costo annuo degli incentivi, a carico dei cittadini, sarà pari a più di 20 mila milioni di euro. 20 miliardi.

foto007Il costo dell’energia elettrica per una famiglia tedesca.
Nel duemila il costo di un chilowattora era di quasi 14 centesimi (di cui 0,2 derivanti dal costo degli incentivi per le rinnovabili.)
Nel 2013 il costo di un chilowattora ha superato i 28 centesimi, di cui 5,3 da addebitare al finanziamento delle energie rinnovabili.

Annunci